Pierre Chauvin, Anjou (Francia)

Pierre Chauvin.jpg

La costituzione del Dominio Pierre Chauvin risale alla prima metà del XIX secolo, i primi terreni vengono acquistati nel 1859 dall’avo della famiglia: Pierre COCHARD (1812-1892), da allora si sono succedute cinque generazioni.

Nel 1993, Paul-Eric Chauvin e suo cognato Philippe Cebron prendono la gestione del Dominio e lo nominano Pierre Chauvin.

Il rispetto dell’ambiente diventa la principale preoccupazione dei due soci, tanto da portarli nel 2000 ad aderire alla Carta “Terra Vitis”, la sola certificazione a livello nazionale per la viticultura responsabile e duratura, il cui obiettivo per gli agricoltori che vi aderiscono è:”Produrre del buon vino, nel modo giusto, per oggi e per domani”.

Nel 2008 decidono di convertire tutto il Dominio all’agricoltura biologica,
certificata da Bureau Veritas, per una prima raccolta con marchio AB (bio Francese) nel 2008.

Dal 2016 Paul-Eric è il solo gestore, aiutato nelle vigne da Philippe.
Oggi è con grande fierezza che Paul-Eric porta avanti questa tradizione famigliare vecchia di più di 150 anni.

 

Il Dominio Pierre Chauvin si estende su 9 ettari à Rablay sur Layon, non lontano da Angers (Francia), Valle della Loira, terra dove vengono prodotti ottimi bianchi e rosé.

La valle del Layon si caratterizza per i suoi terreni di scisti con in superficie la ghiaia. Questo tipo di terreno dà ai vini un tenore fruttato e morbido fin dalla loro giovinezza. La prossimità del fiume apporta la necessaria umidità per lo sviluppo della “muffa morbida” o botrite, che permette la produzione di vini dolci e sciropposi dal vitigno Chenin, principale vitigno bianco della regione dell’Anjou, la cui presenza risale a più di mille anni.

Da esso il Dominio produce su circa 5,9 ettari bianchi, secchi o liquorosi, o effervescenti.

Dal Cabernet franc (2,3 ettari) si producono i rossi ed i rosé. Una minima parte è coltivata a Grolleau noir (0,5 ettari) e Cabernet Sauvigno (0,3 ettari).

I vini del Dominio Pierre Chauvin vengono vinificati nella maniera più naturale possibile, la fermentazione avviene con lieviti indigeni, senza prodotti enologici correttivi, senza aggiunta di zuccheri e con l’utilizzo
di solfiti in minime dosi. L’obiettivo è quello di accompagnare il processo di vinificazione senza intervenire, preservando pienamente il fruttato delle uve e le loro qualità naturali, influenzate solo dal terreno e dal clima, senza artifizi.

La gamma dei vini Pierre Chauvin si caratterizza per finezza ed eleganza, con note fruttate, grande freschezza al palato, in un insieme equilibrato.

 

Tra i vini del Dominio ricordiamo

-Argonette (Chenin 100%), bianco e tenero;

-Rosé des Dames (Cabernet franc), tondo e fruttato con grande freschezza.

-Marcotte (Chenin 100%), bianco morbido tutto freschezza e finezza;

Les Vieilles Vignes (Le Vecchie Vigne) (Chenin 100%), vino liquoroso dagli aromi complessi che si condensano in bocca con un’esplosione di sapori;

Fontaine des Bois (Fontana dei Boschi) (Chenin 100%), vinificato per 12 mesi in fusti di rovere, presenta aromi di frutti bianchi in bocca si presenta vivo e tonico.

Condividi con i tuoi amici

Promozione di Benvenuto

10% di Sconto!

Registrati e Raggiungi 49€ di spesa!

Ricevi il COUPON sconto nella MAIL dopo la REGISTRAZIONE

alpassofood

Sono state aggiornate le informazioni relative all’utilizzo dei tuoi dati personali nella nostra Politica sulla Privacy.

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare la tua esperienza e i nostri servizi, dato che ci consentono di analizzare la navigazione sul nostro sito web. Se si prosegue nella navigazione, se ne riterrà accettato l’uso.

CLICCA QUI PER CONOSCERE LA NOSTRA

COOKIE POLICY